Torna il “Cortile degli Studenti” con la violenza sulle donne


Layout 1Giovedì 30 marzo, presso la Sala Tirreno della Regione Lazio, alle 9:30, si terrà l’incontro dedicato al tema “Prepotenza e Paura. La dignità della donna contro la violenza”. L’evento, organizzato dal “Cortile dei Gentili” con il patrocinio della Regione Lazio, è un nuovo appuntamento che rientra nel più ampio progetto del “Cortile degli Studenti”, che si propone di dialogare con i ragazzi dell’ultimo triennio di scuola superiore. Questa volta l’argomento è attualissimo: la violenza sulle donne, un fenomeno ormai tutt’altro che estraneo al mondo dei giovani.

Grazie al sostegno di Anthos Produzioni, l’evento inizierà con la proiezione del film “L’amore rubato” di Irish Braschi, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Dacia Maraini, che intreccia le storie di cinque donne diverse tra loro ma accomunate dall’esperienza di un amore violento e morboso. A seguire, i 300 ragazzi partecipanti rivolgeranno, a caldo, domande alle diverse personalità presenti all’evento, aprendo un dibattito libero e vivace.

Per le domande di natura religiosa a rispondere saranno il Card. Gianfranco Ravasi e anche Francesca Corrao, esperta islamista; per le questioni di natura Personaggi grandegiuridico-politica risponderà Giuliano Amato, mentre per quelle relative al peso della natura e della cultura in questa problematica ci sarà Consuelo Corradi, neo Presidente della Fondazione Cortile dei Gentili. Per i quesiti sul fenomeno connesso al web prenderà la parola Giorgia Abeltino, direttore delle relazioni istituzionali di Google, e per quelle sulla visione della donna nella cultura africana Gemma Vecchio, fondatrice e Presidente della onlus “Casa Africa”. Infine tra i presenti anche Maite Bulgari, CEO di Anthos Produzioni.

Il “Cortile dei Gentili” ha voluto questo incontro con e per gli studenti in quanto ritiene importante indagare sulla fenomenologia della violenza fisica, sessuale e psicologica e sulla mancanza della spiritualità e solidarietà nella società occidentale, propriamente consumista, che legittima, come evidenziato da uno degli studenti, “il consumo delle cose, la donna che diventa oggetto e una realtà in cui si fa shopping del femminile”.

Qual è il ruolo, in questo contesto, dell’autorità? Esistono dei modelli di eroi ed eroine a cui ispirarsi? La società insegna a riconoscerli? E i media, quale messaggio vogliono veicolare? La violenza, il possesso sono una questione culturale o dati naturali?

Il fine del dibattito sarà quello di stimolare una riflessione su tematiche filosofiche e culturali in linea con il “Cortile dei Gentili”: dialogare per conoscere se stessi e gli altri, perché “le paure nascono quando uno non è più capace d’incontrare lo sguardo dell’altro”.

L’evento potrà essere seguito in real time sui social network, tramite continui aggiornamenti sui profili ufficiali Facebook e Twitter (@CortiledeiGenti) con l’hashtag #CortileDegliStudenti.

FacebookTwitter