Il-treno-dei-bambini

Più libri più liberi: racconti tra cultura e lettura

più libri più liberi_cortile dei gentili_blog

Il 9 dicembre si è conclusa la XVII edizione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria di Roma, organizzata dall’Associazione Italiana editori (AIE) e ospitata per il secondo anno dal Roma Convention Center La Nuvola dell’Eur. Silvia Palombo, collaboratrice del “Cortile dei Gentili”, ci racconta cos’è successo.

Oltre 500 espositori, 650 eventi e un’affluenza record hanno animato le cinque giornate completamente dedicate all’editoria indipendente. Ad ospitare l’evento, la struttura del Roma Convention center che, con la sua facciata d’acciaio e vetro, ha dato un benvenuto d’impatto a migliaia di appassionati del mondo editoriale. Sospesa al suo interno, la Nuvola, elemento principale ed iconico del progetto, rivestita da 15 mila mq di fibra di vetro.

Il pubblico, di tutte le età, ha partecipato con entusiasmo ai moltissimi eventi, soffermandosi con interesse nei diversi stand delle case editrici e ammirando con stupore e curiosità le varie pubblicazioni. Per qualche giorno, dunque, Roma è stata la culla di una delle fiere del libro più importanti d’ Italia, una grande manifestazione che non solo porta condivisione e confronto ma proietta l’editoria italiana verso il progresso e il panorama internazionale.

L’evento è stato anche occasione per riflettere sul mercato dell’editoria, sul suo andamento e sul suo futuro. Interessante notare, a tal proposito, come la piccola e media editoria – ovvero quei marchi editoriali con un fatturato fino a 10 milioni di euro – nel corso degli ultimi anni, nonostante il progresso della tecnologia, abbia registrato un andamento migliore di quello che ci si aspettava rispetto al mercato in generale,  confermandosi “la più grande industria culturale del Paese”. “Ciò nonostante – sottolinea il Presidente di AIE, Riccardo Franco Levi – per quanto il settore editoriale reagisca molto meglio di tutti gli altri comparti della cultura, pesa il calo dei consumi. Risulta quindi necessaria più che mai una politica di promozione della lettura e un sostegno alla domanda.”

La Regione Lazio ha accolto lo spunto del Presidente Levi e, con l’iniziativa “Buono libro”, ha donato ai genitori con bambini e bambine sotto i 5 anni un buono libro, proprio per stimolarli alla lettura e all’ascolto fin dall’infanzia.

Tutti i piccoli lettori che hanno partecipato a “Più libri più liberi” sono tornati quindi a casa stringendo almeno un libro tra le mani. Un gesto particolarmente significativo, perché “i libri danno libertà, aiutano a comprendere meglio la realtà e sviluppano il senso della comune cultura”. È proprio con queste parole che il Presidente Sergio Mattarella ha inaugurato la prima giornata della fiera, dando il via ai numerosi e interessanti appuntamenti dedicati ai libri e ai lettori, tutti all’ insegna della infinita possibilità di visione e di scelta che la cultura ci propone e permette.

 

Silvia Palombo

 

.